Michael Pätel: un collezionista eccezionale

Quelli che conoscono Michel Pätel, il nostro amico tedesco, saranno sedotti dal suo francese perfetto e dalla sua gentilezza. Ma ciò che fa di lui una persona eccezionale è la sua collezione che riunisce circa 2000 copie del Piccolo Principe.

Michael Pätel vive vicino a Francoforte. La sua storia con il Piccolo Principe è piuttosto comune: «un libro ideale per insegnare le lingue», ci dice confidandoci che è con il racconto di Antoine de Saint-Exupéry che ha iniziato a imparare la lingua di Molière. Conserva nella sua biblioteca le edizioni francese e tedesca della sua infanzia. Un giorno, in un viaggio in Messico, si vede offrire un’edizione spagnola. È la scintilla. Al suo ritorno in Germania, Michael Pätel si procura le edizioni russa, greca e italiana: «Per amore delle lingue!»

È l’inizio di una raccolta unica al mondo
Innamorato delle lingue e curioso, Michael Pätel si mette in cerca di altre edizioni del Piccolo Principe. Le confronta, cerca le particolarità linguistiche delle varie versioni, si stupisce della diversità degli alfabeti, confronta le nuove illustrazioni con i disegni di Antoine de Saint-Exupéry. Quando apprende che ci sono quarantaquattro versioni diverse in spagnolo, Michael Pätel è preso dalla smania di procurarsele: vuole sapere se «disegnami una pecora» si dice in modo diverso in Argentina, in Venezuela, in Cile… Michael Pätel è anche un grande viaggiatore. Ogni volta che si trova in un paese straniero, la sua prima preoccupazione è quella di cercare le versioni locali del Piccolo Principe. Il collezionista inizia ad interessarsi anche ai traduttori, a quello che li distingue, alle ragioni che li fanno tradurre in maniera diversa questa o quella parola, questa o quella espressione dell’originale francese.
Piano piano, la raccolta si arricchisce. Oggi conta 2000 esemplari e più di 500 registrazioni del Piccolo Principe. Grazie ad Internet, Michael Pätel è al corrente dell’esistenza di altri collezionisti sparsi ovunque nel mondo. Li contatta. Fanno scambi, si danno informazioni per procurarsi le edizioni mancanti.Se siete collezionisti alla ricerca della perla rara, vi consigliamo vivamente di andare sul sito Internet di Michael Pätel. Scoprirete una raccolta ricca e sconosciuta. Ma attenzione, Michael Pätel non è quel come l’uomo d’affari incontrato dal Piccolo Principe, che vuole possedere “le stelle” per il piacere di possedere. La sua raccolta è il frutto di una passione, di un desiderio “di addomesticare” allo stesso tempo le lingue e quel Piccolo Principe che per lui è diventato un amico.Scoprite senza più attendere il sito di Michael Pätel: siamo sicuri che vi affascinerà!
Notre rencontre avec Michael Pätel en 2009