Se Il Piccolo Principe mi fosse raccontato

Il Piccolo Principe viene recitato a teatro, cantato all’opera, ballato, se ne traggono commedie musicali, canzoni, adattamenti vari per il grande ed il piccolo schermo…. Oggi ci dicono come.

Originaria del Pas-de-Calais, Véronique Deroide è una “narratrice”, lavoro che esercita da 14 anni. Ha incontrato il Piccolo Principe in quinta elementare. Scelta per rappresentare la sua classe a un concorso di dizione, deve recitare un brano del racconto di Antoine de Saint-Exupéry. È quello in cui il Piccolo Principe sgrida l’aviatore che aveva sostenuto che le spine delle rose non servono a nulla. La storia non si ferma qui. Véronique Deroide ritrova il Piccolo Principe il giorno del suo matrimonio: i suoi amici pensano di leggerle per questa occasione gli insegnamenti della volpe.

L’adattamento di Véronique
C’è voluto l’incontro con il narratore Bruno de La Salle perché Véronique si decidesse a mettere in scena il Piccolo Principe. Non ha bisogno di nulla. Parla. Racconta la storia da capo a fine. È una magia e inoltre è “nel vento”: «La nostra epoca è troppo materialista. Questo ci procura una sensazione di vuoto e anche una sensazione di insicurezza alle quali proviamo a sottrarci consumando…, una società di consumo e di consumatori!» Per Véronique, il Piccolo Principe invece ci dà fiducia, ci libera dalle nostre paure e ci consente di andare verso il prossimo… o verso noi stessi. Véronique Deroide interroga gli spettatori che cerca di colpire con le parole di Antoine de Saint-Exupéry, parole che grazie a lei diventano “palpabili”.

« Il Piccolo Principe parla direttamente all’uomo della sua umanità »

Ricordare l’essenziale significa creare legami
Véronique è sola sull’Asteroide B612 o nel Sahara. Ma ha la voce. Parla, parla, racconta…! Raccontare è un dono, quello di affascinare il pubblico senza artifici… Basta una musica, un velo… Come un tempo aveva fatto Saint-Exupéry, la narratrice esprime la sua preoccupazione di fronte al nostro tempo. Un’epoca in cui migliaia di libri ci parlano di come “stare meglio” ma lo fanno superficialmente. Il Piccolo Principe è un libro semplice che permette di agire, che permette anche di far fronte al disagio presente dovunque.

Quando gli chiedono di spiegare l’universalità del racconto, Véronique si accontenta di una frase semplice: «Il Piccolo Principe parla direttamente all’uomo della sua umanità». .

I “racconti” sono spesso la caratteristica dei bambini, ma questa volta Véronique vorrebbe rivolgersi anche ai “grandi”. Come nelle veglie di una volta, vorrebbe mettere insieme delle famiglie e instaurare legami tra di esse grazie alla magia del suo spettacolo. Lo spettacolo di Véronique Deroide ci invita a risvegliare il bambino che è sempre in noi con la speranza di farci rinunciare al nostro desiderio di “possedere le stelle”; farci invece desiderare di essere utili a una rosa.

Per ulteriori informazioni Il sito di Véronique Deroide